Alzi la mano chi, nell’arco dell’ultima settimana, ha ripetuto almeno una decina di volte frasi del tipo “che stress”, “sono stressata”, “sto mangiando nervoso”.

Bene, fatto questo mea culpa, è interessante andare a capire come attacco di fame, aumento di peso e stress siano legati tra loro e come il nostro corpo reagisca per combattere le ondate di stress a cui quotidianamente siamo esposti.

Quando il corpo è in pericolo o sottoposto a stimoli che ne alterano l’equilibrio, attiva automaticamente la primitiva risposta di lotta o fuga (fight or flight).

Si tratta di una serie di stimolazioni neuroendocrine che entrano in azione per proteggere il nostro corpo dagli agenti alteranti.

In particolare, questo processo si attiva anche se la minaccia è di tipo psicologico-emotivo.

Dal punto di vista biologico la fame nervosa è proprio un aspetto di autodifesa del nostro corpo.

Ma… cosa succede dentro di noi quando mangiamo nervosamente?

Quando siamo sottoposti a stress viene prodotto il cortisolo (meglio conosciuto come l’ormone dello stress) ormone steroideo che determina la mobilitazione dell’energia; e fino a qui sembra essere tutto a nostro vantaggio.

Tuttavia, quando la stimolazione di questo ormone diventa cronica, gli effetti negativi iniziano a presentarsi senza pietà: i grassi che sono stati mobilizzati per fornire energia, vanno a depositarsi in particolare a livello viscerale (quindi della pancia) ed il desiderio di cibi ad alta densità energetica, ricchi di grassi e carboidrati, continua ad aumentare.

L’effetto immediato è l’aumento di peso.

Lo stress in unione alla mancanza del dovuto riposo, vanno a compromettere l’equilibrio degli ormoni (leptina e grelina) che regolano il ciclo appetito-sazietà.

Aumentano infatti i livelli di grelina che inevitabilmente portano ad un maggiore senso di fame e rallentano il metabolismo.

Come agire quindi per evitare la fame nervosa e l’aumento di peso?

Bisogna innanzitutto imparare ad ascoltare il nostro corpo, che in ogni momento della nostra giornata ci invia segnali.

È necessario dedicare ai pasti il tempo e la concentrazione giusta: alimentarsi è un atto che noi facciamo poiché è necessario nutrirci non semplicemente riempirci.

Bisogna evitare di “mangiucchiare” continuamente ed in particolare cibi ad alto contenuto glucidico (cibi industriali, pre confezionati, cibi spazzatura, cibi da forno): se gli episodi di alimentazione sono troppo frequenti il sistema fame-sazietà viene duramente stravolto.

È importante agire anche sullo stile di vita consentendo al nostro corpo e alla nostra mente un riposo adeguato e sforzandoci di praticare attività fisica.

Praticando movimento infatti si ottiene la secrezione di importanti neurotrasmettitori che interagiscono andando a placare gli attacchi da fame nervosa.

Prova a tenere a bada la tua fame nervosa con questi alimenti (che infondono calma e aiutano a tenere sotto controllo il peso) 

Avocado

L’avocado contiene alcuni nutrienti essenziali che abbassano i livelli dell’ ormoni dello stress, regolano la pressione arteriosa e offrono una sensazione di sazietà.
Cerca di mangiare un avocado quando hai fame durante la giornata oppure nella tua insalata.

Tè verde
Anche se tendenzialmente lo stress fa ingrassare, possiamo contrastare tale effetto con gli antiossidanti del tè verde. Polifenoli, flavonoidi e catechine favoriscono l’eliminazione del grasso e, cosa più importante, trattengono la produzione di una sostanza infiammatoria che provoca fame, accelerando, inoltre, il metabolismo. Il tè verde, inoltre, rilassa il nostro organismo e il nostro cervello, regolandone le funzioni basilari. Puoi assumerlo fino a 3 volte al giorno, ma senza l’aggiunta di zucchero.

Mirtilli
Un altro eccellente antiossidante. I mirtilli sono ottimi alleati di apparato digerente, reni e vescica. Oltre a questo, possiedono ottime virtù rilassanti.

Noci
Le noci sono un’essenziale fonte di Omega 3. Questo acido grasso è molto salutare, infatti stimola il cervello e abbassa il colesterolo. Le noci sono ideali come merenda e aiutano a combattere lo stress.

Riso integrale
Il riso integrale è una meravigliosa fonte di vitamina B. Cerca di includerlo nella tuadieta, perché quando il tuo organismo riceve abbondanti dosi di vitamina B, accumuli meno stress.

Cioccolato fondente
In presenza di situazioni stressanti, il cioccolato fondente, contenente cacao tra il 70 e il 90%, è ottimo: riduce la fatica, apporta magnesio e abbassa i livelli di cortisolo. Tuttavia, bisogna fare attenzione alle quantità e assumerne massimo 40 grammi al giorno.

Call Now Button